Consapevolezza umano-animale

trailing-dog
Fonte web

Oggi mi sento un po’ più consapevole! Ma non parlo di danza questa volta! Predico sempre consapevolezza ma in questo caso sono io a non esserlo… o meglio a non esserlo abbastanza nei confronti degli animali, ed in particolare dei miei amatissimi cani! Ebbene sì, sono tornata allieva per l’amore che ho verso di loro! Ho deciso di tornare sui banchi perché, grazie all’aiuto di una persona speciale, ho capito che sbagliavo praticamente tutto in maniera inconsapevole. In buona fede pensavo di fare bene, di dargli tanto amore e il meglio del meglio ma sbagliando praticamente tutto.

Questo è l’errore più grande che si possa fare, non rendersi conto di sbagliare a discapito di esseri che ormai dipendono da noi in tutto e per tutto e così ho cercato di capire. Devo dire che è stato difficilissimo cercare di interpretare correttamente il loro modo di comunicare, le loro emozioni, imparare quali sono i loro segnali di agio e disagio, le loro esigenze, i loro bisogni, perché purtroppo molto spesso pensiamo che sono gli animali a non capire e ad aver bisogno di essere educati; e invece no, ho compreso che sono gli umani a non capire e a dover essere educati e addestrati. Nel mio piccolo è quello che sto cercando di fare con la consapevolezza che la strada sarà molto lunga! Questo tipo di educazione richiede una sincera disponibilità nel mettersi in discussione oltre che un’insegnante autenticamente dalla parte degli animali. Il compito dell’insegnante è quello di intervenire su di noi, sulle nostre conoscenze e sulle nostre emozioni  così da aprirci occhi e cuore, desideroso di trasmettere il piacere di ascoltare e di osservare modi diversi dal nostro.

Chissà se mai ci riuscirò ma credo che, nel mio piccolo, cercherò di avvicinarmi almeno un pochino a questo mondo meraviglioso. Penso sia un dovere che abbiamo nei loro confronti considerando che loro non hanno alcuna difficoltà a comprenderci e a darci sempre tutto quello che di “giusto o ingiusto” chiediamo. Penso sia un dovere metterli a loro agio e mi impegnerò al massimo per imparare a  rispettare la loro identità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *